La società della conoscenza – Knowledge Society

Il principio di base consiste nel coniugare tutti i processi innovativi come quelli legati alla formazione continua ( life long learning) dei lavoratori e dei cittadini insieme al valore dell’innovazione dei processi di organizzazione sociale e decisionale svolto dall’innovazione tecnologica con l’avvento di Internet.
Con questo principio fondamentale quindi, la società della conoscenza è basata sull’uso diffuso delle nuove tecnologie legate alla gestione dell’informazione attraverso una costruzione di enormi banche dati, una rete di computer interconnessi e la telefonia mobile. Questo sviluppo ha consentito la nascita di un’organizzazione sociale e un’economia basata proprio sulla conoscenza.

Per ciò che riguarda l’importanza della conoscenza nella società attuale, si può dire che essa è life long learning, life wide learning e life deep learning, terminologia utilizzata per indicare tre forme di apprendimento: la prima consiste nell’apprendimento che non si limita ad un determinato percorso di conoscenze, ma a tutto l’arco della vita. L’idea dell’apprendimento come processo circoscritto alle prime fasi della vita è superata. L’apprendimento è un processo dinamico e continuo, che può interessare tutte le età della vita. La formazione diventa permanente, intesa sia nel senso di formazione professionale ricorsiva, sia nel senso più ampio di formazione e sviluppo della persona durante tutto il corso della sua esistenza.

La seconda forma di apprendimento si verifica in tutti in contesti di vita ed è un processo diffuso, che può accadere in ogni contesto. Si supera l’idea che possa accadere solo nei luoghi tradizionalmente deputati all’educazione (scuola, famiglia, chiesa, ecc..). Si valorizzano tutti quei contesti e quegli ambienti in cui si apprende fino a valorizzare il macrocontesto rappresentato dalla vita stessa, come un laboratorio evolutivo.
La terza forma riguarda la dimensione della profondità dell’apprendimento e si occupa dei valori e delle qualità più profonde, che orientano la vita e la rendono pienamente umana nel senso più alto del termine. L’apprendimento profondo riguarda l’educazione interiore in un’ottica rispettosa della persona, della sua esperienza e del significato che esso stessa gli attribuisce.

Questo articolo è stato pubblicato in Pedagogia e Didattica e contrassegnato come da Cecilia Pallotta . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Cecilia Pallotta

Sono Cecilia Pallotta, ventisei anni Diplomata presso il Liceo Socio psicopedagogico E. Montale ed Educatrice Laureata in Scienze dell'Educazione con votazione 100/110 presso l'Università degli studi di Roma Tre. Attualmente specializzanda in Scienze Pedagogiche nella stessa Università. Ho svolto un periodo di osservazione presso uno studio di logopedia e svolgo attività di doposcuola per ragazzi delle scuole elementari e medie. Da molti anni studio pianoforte e canto. Scrivo articoli di approfondimento pedagogico e filosofico presso questa rivista.