Le otto competenze chiave

Le otto competenze chiave, strategia di Lisbona
2000-2010 (Raccomandazioni del consiglio e del parlamento europeo, seduta del 18/12/2006)

una combinazione di conoscenze, abilità e attitudini appropriate al contesto – come recita il testo europeo –  strumenti fondamentali ed ineludibili per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, l’inclusione sociale e l’occupazione – sempre citando dal testo ufficiale.
In ordine, non di importanza, ma come sono riportate:

1) comunicazione in madrelingua;
2) comunicazione in lingue straniere;
3) competenza matematica e competenze di base in scienze e tecnologia;
4) competenza digitale;
5) imparare ad imparare;
6) competenze sociali e civiche;
7) spirito di iniziativa e imprenditorialità;
8) consapevolezza ed espressione culturale.
®

Articoli recenti

Atene come centro della cultura greca: il teatro greco

Acropoli di Atene

Il V secolo a.C. viene considerato come il periodo in cui si verificò un notevole sviluppo artistico e filosofico. Atene era considerata il centro della cultura greca e in questa città nacque l’arte classica, la quale rimase pura per poco tempo fino a costituire un ideale importante nel mondo greco. Nel V secolo i grandi artisti dell’epoca si recarono ad Atene che ben presto divenne il centro intellettuale per eccellenza. Nell’età classica un fenomeno peculiare di Atene ebbe la tragedia1 genere teatrale nato nell’Antica Grecia e che rappresentava una cerimonia tipicamente religiosa con una forte funzione sociale che il poeta esercitava nell’ambito della polis. La tragedia era una rappresentazione teatrale e creava un rapporto con il pubblico e con le sue attese. Questo rapporto si caratterizzava per il fatto di essere collettivo e presupponeva una esposizione diretta del testo scritto, attraverso il canale uditivo- visivo, anziché attraverso la lettura. Il teatro greco coinvolgeva l’intera città ed era elevatissimo il numero di partecipanti attivi come i costumisti, gli attori, i musicisti, gli istruttori, i sacerdoti e i macchinisti. La tragedia era anche un momento politico molto importante. Era di grande rilievo il fatto che l’organizzazione degli spettacoli era affidata allo Stato.
I greci pertanto ritenevano che ogni manifestazione artistica avesse una funzione educativa a tal punto che il teatro stabilì le sue radici nella costituzione politica di Atene nel V secolo a.C. che prende il nome di democrazia. Quindi il teatro raffigurava una perfetta metafora della democrazia. Come nel corso della rappresentazione si creava una stretta interdipendenza tra l’eroe e il coro, anche durante la vita quotidiana si creava un rapporto molto intenso tra l’individuo e la comunità nel suo complesso. Il teatro greco, durante il suo periodo di produttività, fu un fenomeno esclusivamente di Atene. Gli spettacoli si svolgevano nelle festività delle Grandi Dionisie che iniziavano in primavera e duravano sette giorni.

  1. Il Principe Ideale secondo Leibniz Commenti disabilitati su Il Principe Ideale secondo Leibniz
  2. Insegnamento e apprendimento Commenti disabilitati su Insegnamento e apprendimento
  3. La Torre di Chia – luogo di ispirazione di Pierpaolo Pasolini Commenti disabilitati su La Torre di Chia – luogo di ispirazione di Pierpaolo Pasolini
  4. Covid-19: narrazione storica dell’influenza Spagnola e collegamento con l’epidemia più devastante della storia dell’uomo: la peste nera. Commenti disabilitati su Covid-19: narrazione storica dell’influenza Spagnola e collegamento con l’epidemia più devastante della storia dell’uomo: la peste nera.
  5. Narrazioni. Il Metodo Freedom Writers Commenti disabilitati su Narrazioni. Il Metodo Freedom Writers
  6. Le chiavi della “razón poética” di María Zambrano Commenti disabilitati su Le chiavi della “razón poética” di María Zambrano
  7. L’importanza della professionalità degli insegnanti Commenti disabilitati su L’importanza della professionalità degli insegnanti
  8. Il ritorno: “Il pensiero vivente di María Zambrano” Commenti disabilitati su Il ritorno: “Il pensiero vivente di María Zambrano”
  9. Improvviso Educativo Commenti disabilitati su Improvviso Educativo