Le otto competenze chiave

Le otto competenze chiave, strategia di Lisbona
2000-2010 (Raccomandazioni del consiglio e del parlamento europeo, seduta del 18/12/2006)

una combinazione di conoscenze, abilità e attitudini appropriate al contesto – come recita il testo europeo –  strumenti fondamentali ed ineludibili per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, l’inclusione sociale e l’occupazione – sempre citando dal testo ufficiale.
In ordine, non di importanza, ma come sono riportate:

1) comunicazione in madrelingua;
2) comunicazione in lingue straniere;
3) competenza matematica e competenze di base in scienze e tecnologia;
4) competenza digitale;
5) imparare ad imparare;
6) competenze sociali e civiche;
7) spirito di iniziativa e imprenditorialità;
8) consapevolezza ed espressione culturale.
®

Articoli recenti

Discorso sul tema del coronavirus secondo il pensiero di Galimberti

Secondo il filosofo Galimberti la paura rappresenta un ottimo meccanismo di difesa che si manifesta quando le persone osservano un pericolo. Il tema del coronavirus è indeterminato perchè non sappiamo da dove proviene, per questo motivo che Galimberti sottolinea il tema dell’angoscia. La seconda considerazione che il filosofo cerca di argomentare riguardo a questa malattia fa riferimento al fatto che nel corso di poco tempo si è passato da una condizione di terrore e questo ha provocato la chiusura e la sospensione di tutte le attività quotidiane come andare a lavoro, fare la spesa e le relazioni sociali. Questa situazione fa capire che i soggetti sono fondamentalmente tre: la popolazione la quale si regola sul Mondo della vita, la politica la quale ha messo in atto delle precauzioni per evitare la diffusione del virus, e infine l’ambito sanitario perchè rappresenta il contesto in cui analizza e studia la malattia continuando a fare i tamponi. La responsabilità della politica in questo ambito consiste nel fatto che deve tenere conto dell’economia e dello stile di vita delle persone. Dal punto di vista filosofico, si fa riferimento ad Aristotele il quale ricorda che il comportamento delle persone non è determinato da teoremi o schemi predefiniti e non solo dalla conoscenza, ma soprattutto da una particolare caratteristica umana, cioè la phronesis ( termine che deriva dal greco e significa prudenza o buon senso). Storicamente la phronesis era una virtù ricondotta ad Ulisse, e Omero nelle sue opere lo considerava come un phronemon cioè come una persona astuta che in realtà si traduce con il concetto di saggezza, cioè la capacità di muoversi in particolari situazioni pericolose.

Dal punto di vista psicologico, sostiene Galimberti, “l’aumento progressivo dei contagiati ha provocato un allarme, ma come è stato spiegato precedentemente, non si può parlare di paura, ma di angoscia considerato un sentimento importante per l’individuo poichè tramite esso egli non è in grado di comportarsi. Riguardo la questione della paura la persona è in grado di conoscere l’oggetto di riferimento e nel caso dell’angoscia subentra il tema dell’incertezza di tutte le persone che dovrebbero contenerla”.

  1. La pratica didattica nell’IRC Commenti disabilitati su La pratica didattica nell’IRC
  2. Politeaching: da prof a prof! Commenti disabilitati su Politeaching: da prof a prof!
  3. Improvviso educativo. Per una didattica “reidratante” Commenti disabilitati su Improvviso educativo. Per una didattica “reidratante”
  4. I legami sociali Commenti disabilitati su I legami sociali
  5. Wuhan — I francescani vi erano presenti da oltre 100 anni Commenti disabilitati su Wuhan — I francescani vi erano presenti da oltre 100 anni
  6. “Il ragazzo dai pantaloni rosa” Commenti disabilitati su “Il ragazzo dai pantaloni rosa”
  7. La città come luogo di educazione per l’individuo Commenti disabilitati su La città come luogo di educazione per l’individuo
  8. La scuola: luogo di trasmissione di cultura e crescita personale Commenti disabilitati su La scuola: luogo di trasmissione di cultura e crescita personale
  9. La famiglia come luogo di educazione primaria Commenti disabilitati su La famiglia come luogo di educazione primaria