Etty Hillesum

Etty Hillesum. Approfondimenti, informazioni storiche e bibliografiche. Sito a cura del Centro Studi Etty Hillesum e della casa editrice Apeiron Editori.

“E cosí la tua vita é passare da un parto all’altro. Forse dovrò spesso cercare il mio parto, la mia liberazione”

L'immagine può contenere: disegno

Source: Etty Hillesum

Quando Madre Teresa era famosa in tutto il mondo… tranne che nel suo paese

Quando Madre Teresa fu insignita del Premio Nobel per la Pace, nel 1979, era già celebre in tutto il mondo per le sue opere e la sua missione a Calcutta. In tutto il mondo, fatta eccezione per il suo paese d’origine, l’Albania, dove il regime comunista aveva proibito non solo la religione ma persino Dio, quindi di conseguenza, aveva completamente censurato questa sua illustre cittadina, Agnes Gonxha Bojaxhiu.

Lo ha raccontato a ZENIT, Visar Zhiti, rappresentante diplomatico dell’Albania presso la Santa Sede. “A quell’epoca, l’Albania era impermeabile a qualunque notizia, comprese quelle su Madre Teresa. Era famosa nel mondo ma non poteva recarsi nel suo paese”, ricorda. La prima volta che Zhiti sentì fare il suo nome, fu nel 1969, quando si trovava in carcere, dove stava scontando una condanna per aver composto versi poetici ‘sovversivi’. Quando arrivavano nuovi detenuti, gli altri domandavano loro cosa stesse succedendo lì fuori. Un giovane gli disse: “ho sentito alla Rai che una suora albanese ha vinto il Premio Nobel per la Pace, suor Teresa”. Questo nome “si stampò nella mia mente e nel mio cuore”, racconta il diplomatico albanese.madre Teresa di Calcutta

In Albania, la religione era proibita, era l’unico paese del mondo formalmente ateo. Tutti i templi religiosi erano stati distrutti. I sacerdoti erano stati tutti fucilati o richiusi in carcere. “Sentire che una suora albanese era conosciuta in tutto il mondo ed aveva conquistato un Premio Nobel, era una gioia. Dio ci concedeva questo “premio” per compensare la situazione in cui versava il paese”, osserva Zhiti.
Continue reading

I Martiri di Otranto e il 1480 (VI e ultima parte) – Fondazione Terra D’Otranto

I Martiri di Otranto e il 1480 Per una rilettura delle vicende storiche tra ipotesi, protagonisti e complessità processuali di Mauro Bortone Le varie fasi di un lungo processo Dopo una necessaria rilettura storica degli avvenimenti storici del 1480, torniamo all’origine della breve inchiesta sui martiri di Otranto. Abbiamo detto delle lungaggini del processo canonico. […]

Sorgente: I Martiri di Otranto e il 1480 (VI e ultima parte) – Fondazione Terra D’Otranto

I Martiri di Otranto e il 1480 (II parte) – Fondazione Terra D’Otranto

I Martiri di Otranto e il 1480 Per una rilettura delle vicende storiche tra ipotesi, protagonisti e complessità processuali di Mauro Bortone   Le controversie storiche. Una breve rivisitazione dell’episodio ed alcune questioni irrisolte   Per rispondere a questa domanda, si rende necessaria una breve rivisitazione degli episodi storici del 1480. Dopo aver raggiunto il […]

Sorgente: I Martiri di Otranto e il 1480 (II parte) – Fondazione Terra D’Otranto

I Martiri di Otranto e il 1480 (I parte) – Fondazione Terra D’Otranto

I Martiri di Otranto e il 1480 Per una rilettura delle vicende storiche tra ipotesi, protagonisti e complessità processuali di Mauro Bortone   Il decreto  super martyrio   Nello scorso mese di luglio, la Santa Sede, per volontà stessa di Benedetto XVI, ha dato parere favorevole alla santificazione dei Beati Martiri di Otranto, uccisi nell’invasione […]

Sorgente: I Martiri di Otranto e il 1480 (I parte) – Fondazione Terra D’Otranto

I Santi Martiri di Otranto e il 1480 (IV ed ultima parte) – Fondazione Terra D’Otranto

Per merito della guarigione nel 1980 di suor Francesca Levote oggi 11 febbraio 2013 si è tenuto il concistoro per la canonizzazione dei già Beati 800 Martiri di Otranto, che saranno dichiarati Santi il 12 maggio 2013. Benedetto XVI, che a suo tempo ha autorizzato la Congregazione delle cause dei Santi a promulgare i Decreti […]

Sorgente: I Santi Martiri di Otranto e il 1480 (IV ed ultima parte) – Fondazione Terra D’Otranto