Etty Hillesum

Etty Hillesum. Approfondimenti, informazioni storiche e bibliografiche. Sito a cura del Centro Studi Etty Hillesum e della casa editrice Apeiron Editori.

“E cosí la tua vita é passare da un parto all’altro. Forse dovrò spesso cercare il mio parto, la mia liberazione”

L'immagine può contenere: disegno

Source: Etty Hillesum

Max Scheler all’origine del personalismo di K. Wojtyla

Max Scheler all’origine del personalismo di K. Wojtyla – Prospettiva n.78-79
Bartlomiej Sipinski – Universita Adam Mickiewicz, Poznan (Polonia)

«…Il personalismo di Karol Wojtyla è una filosofia che unisce tra l’altro le ispirazioni tomiste e il linguaggio fenomenologico. L’articolo propone una riflessione sulle fonti d’ispirazione che hanno condotto ad una rivisitazione della filosofia della persona.

«La sua caratteristica consiste nella presentazione della persona costantemente di fronte ai valori, e per questo di fronte a Dio…
… il filosofo di Cracovia, futuro Papa Giovanni Paolo II, continua, se si può usare una tale generalizzazione, l’opera personalista di san Tommaso arricchendola degli apporti della fenomenologia. Perciò il suo personalismo viene spesso descritto come pensiero tomista fenomenologico ed un tale delinea la parte innovativa della questione della persona.
… L’uomo è persona in ogni suo atto ed attraverso gli atti lo deve testimoniare.
… se vogliamo credere alla tesi sul carattere tomista fenomenologico del personalismo di Karol Wojtyla, sorge la domanda su come il Papa Filosofo concili la filosofia dell’essere, alla quale appartiene il tomismo, e la filosofia della coscienza, come viene intesa dalla fenomenologia. Continue reading

Intervento del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al Meeting per l’Amicizia tra i Popoli

RIMINI 19/08/2016

«Con la nostra civiltà, e senza rinunciare ad essa, sconfiggeremo anche i terroristi. Che seminano morte per tentare di cambiare i nostri cuori e le nostre menti. E’ questa una sfida per gli Stati democratici. Ma anche per le religioni.
Il dialogo tra le fedi è oggi una necessità storica, è una condizione per conquistare la pace. Il dialogo tra le fedi è un atto di umiltà, che può riconciliarci con la storia dell’uomo. E’ questo un tema di grande valore spirituale, che ha fortissime implicazioni politiche e sociali. Dialogo tra credenti di religioni diverse, dialogo sul destino dell’uomo tra credenti e non credenti: ecco un terreno sul quale la cultura europea può dare, ancora una volta, un apporto straordinario.»

«Viviamo oggi l’epoca dell’io.
Intendiamoci: nell’affermazione dell’individuo vi è una intrinseca verità, una crescita della coscienza, una domanda positiva di diritti e di opportunità. Il primato della persona, il riconoscimento della sua integrità e inviolabilità, il principio stesso di uguaglianza tra gli esseri umani hanno tratto alimento da questo percorso storico di affermazione della centralità dell’individuo o, meglio, della persona. L’io non è soltanto identità. E’ anche dignità, libertà. Libertà che ci è stato ricordato – da Kant a Martin Luther King – trova il proprio limite nella libertà degli altri, di tutti gli altri.

Il punto cruciale è che l’io non è autosufficiente.
L’io ha bisogno del tu come l’aria per respirare.
L’io contiene l’esigenza di diventare un “noi” proprio per fronteggiare e raggiungere quei traguardi che è stato capace di immaginare. Perché il noi è la comunità. Il noi è anche la storia. Il noi è la democrazia.»

Testo http://www.quirinale.it/elementi/Continua.aspx?tipo=Discorso&key=399

Discorso

.
https://www.youtube.com/watch?v=KViygGlsw-g

.

FILOSOFIA POIETICA (Ducci)

EDDA DUCCI, Antologia di saggi brevi su temi di filosofia (LUMSA)
«Il mutarsi delle esigenze critiche ha portato, in tutti i campi della riflessione umana, a rivedere la situazione epistemologica.
In pedagogia si è arrivati alla messa in questione dell’unitarietà del sapere intorno alla realtà educativa. Le polemiche circa la teoresi pedagogica e la filosofia dell’educazione sono note. Il fatto che si sia potuti arrivare fino alla negazione di tale sapere non denota esasperata acribia, ma incertezza, insicurezza e dubitosità mal posta. La soluzione epistemologica che è venuta, ampia, profonda, può rimuovere la dubitosità mal posta; incertezza e insicurezza le rimuoveranno proposte concrete, stimolanti e solide.…

Continue reading