La scuola: luogo di trasmissione di cultura e crescita personale

Conclusa la scuola superiore, l’offerta formativa universitaria è molto ampia.
I corsi di studio Universitari sono teorici ma propongono anche tirocini che permettono allo studente di accedere al mondo del lavoro. Come in Italia, finito il percorso formativo si può accedere al dottorato di ricerca.
Le scuole tedesche sono per lo più statali e sono pochi gli studenti che frequentano le scuole private. A differenza dell’Italia, le amministrazioni comunali si occupano di fornire agli studenti materiali e strumenti didattici come ad esempio vocabolari, libri, lavagne, computer e strumenti musicali, e come gli altri paesi europei citati in precedenza, le famiglie non devono spendere nulla.
Però, alcune ricerche scientifiche hanno criticato il sistema scolastico tedesco perchè è troppo selettivo e i bambini più dotati e meno dotati vengono separati e selezionati troppo presto.
In riferimento al tema dell’alternanza scuola- lavoro, la validazione delle competenze rientra a far parte a pieno titolo del più recente dibattito in ambito formativo, considerando il valore degli apprendimenti formali, informali, e non formali.
Il concetto di competenza va distinto dal compito in quanto è legato alla capacità di elaborazione cognitiva del soggetto. L’approccio per competenza viene considerato come l’unico accesso per definire il livello di professionalità e di ruolo che interessano il mondo del lavoro nella sua complessità, in particolar modo nell’ambito della piccola e media impresa.
Il padre fondatore del movimento delle competenze fu David McClelland il quale parte dal presupposto che attraverso la misurazione delle competenze (Skills) non si riesca a identificare quale sia “la persona giusta al posto giusto”.
Tale citazione indica che è necessario stabilire le competenze più importanti che dovrebbe possedere l’individuo all’interno di un determinato contesto lavorativo.
La competenza dunque, rappresenta la caratteristica individuale collegata ad una prestazione efficace per una determinata mansione o in una situazione particolare, misurata sulla base di un criterio prestabilito. Viene definita caratteristica individuale perché rappresenta una parte integrante della personalità di un individuo durante una situazione di lavoro. La competenza, nella sua essenza, è la capacità di un soggetto di realizzare una prestazione, utilizzando risorse cognitive, emotive e valoriali a disposizione per raggiungere determinati obiettivi formativi.

This entry was posted in Filosofia, Pedagogia e Didattica, Storia by Cecilia Pallotta. Bookmark the permalink.

About Cecilia Pallotta

Sono Cecilia Pallotta, ventisei anni Diplomata presso il Liceo Socio psicopedagogico E. Montale ed Educatrice Laureata in Scienze dell'Educazione con votazione 100/110 presso l'Università degli studi di Roma Tre. Attualmente specializzanda in Scienze Pedagogiche nella stessa Università. Ho svolto un periodo di osservazione presso uno studio di logopedia e svolgo attività di doposcuola per ragazzi delle scuole elementari e medie. In questo anno svolgerò un tirocinio presso il Liceo classico Seneca di Roma tramite l'Università. Da molti anni studio pianoforte e canto. Scrivo articoli di approfondimento pedagogico e filosofico presso questa rivista.